Bibliomanie

Mauro Conti

https://www.mauroconti.it

Mauro Conti insegna Materie Letterarie e Latino presso il Liceo Nicolò Copernico di Bologna. E’ tra i fondatori della rivista online Bibliomanie.it nel cui archivio è rintracciabile anche il suo percorso di ricerca. Ha curato e tradotto per l’editore Feltrinelli L’arte della guerra di Sun Tzu; Gli Aforismi sulla saggezza della vita di Arthur Schopenhauer per l’editore Casini, e, recentemente, per l’editore Rusconi, ha tradotto e si è occupato della curatela de Il Grande Gatsby di Francis Scott Fitzgerald. Inoltre ha scritto una saggio storico dal titolo Breve ma veridica storia della Rai pubblicato dall’editore Liguori di Napoli nel 2008, in volume collettaneo. Si diletta di arti figurative.

Vita spericolata di Francis Scott Fitzgerald. Verso una nuova biografia intellettuale
di , numero 48, novembre 2019, Saggi e Studi

Vita spericolata di Francis Scott Fitzgerald. Verso una nuova biografia intellettuale

Ogni interpretazione, ogni analisi testuale si stabilisce sempre, pirandellianamente, come un atto di equilibrio sopra la follia dell’opera d’arte, sopra il guazzabuglio del testo e l’esercizio del lettore: interpretare, in fondo, è portare alla luce una voce nella polifonia discorde del narrato, il particolare di uno sguardo acciuffato nel caos di una folla in movimento. Sì, perché il tempo e il luogo in cui nasciamo non definiscono la nostra identità e nemmeno i tratti del nostro volto e, a voler guardare in profondità – sosteneva la saggezza antica di Eraclito e di altri – nessuno conosce i confini dell’anima di un uomo e, tanto meno, quelli di uno scrittore, di un artista de race. Quand’anche riuscissimo a tracciare, ad esempio... continua a leggere

torna su

La scuola che non c’è. Ipotesi per una scuola futura
di , numero 44, luglio/dicembre 2017, Note e Riflessioni

L’ipotesi di un ripensamento del sistema scolastico nasce dall’esigenza di rispondere alle richieste che vengono dalla società. Comel’imprenditore che debba riprogettare la sua azienda per meglio affrontare la concorrenza e la propria posizione societaria all’interno del sistema di mercato, così noi abbiamo pensato alla realizzazione di un modello, l’immagine di uno scenario possibile per la scuola. Martin Heidegger, nei Seminari di Zollikon, per spronare alla filosofia i suoi discenti–sovente di notevole caratura intellettuale –era solito dire: “Come sarebbe la realtà se tutto improvvisamente non fosse?”. L’esercizio che qui proponiamo è esattamente, sostanzialmente questo: ipotizzare, immaginare come potrebbe essere la Scuola italiana se il suo sistema, le sue strutture, la sua organizzazione, i suoi principi improvvisamente venissero meno. Indubbiamente il no... continua a leggere

torna su
copyright | privacy | credits