Bibliomanie

indice del numero 34
settembre/dicembre2013

Contro la feroce forza che fa nomarsi diritto. Verdi e il dispotismo: una proposta di lettura
di , Saggi e Studi

Appunti introduttivi Non è certo impresa facile cercare di riconoscere nell’opera di Giuseppe Verdi – pur così consistente, così ricca di riflessioni di vario ordine – un tratto apparentemente di secondo piano come il rapporto dell’artista col dispotismo. Eppure, cercando di portare l’indagine non solo entro il corpus verdiano, ma anche nella sua biografia, il […]... continua a leggere

torna su

Karl Eugen Gass, l’allievo prediletto di Ernst Robert Curtius
di , Saggi e Studi

Abbiamo cercato di prendere sul serio l’invito di Marianello Marianelli di offrire al lettore italiano la possibilità di conoscere da vicino la voce dell’allievo prediletto di Ernst Robert Curtius, Karl Eugen Gass da Kassel. Era nostra prima intenzione dedicarci esclusivamente alla decennale corrispondenza intercorsa fra l’allievo e il maestro, seguendo alla lettera la preziosa indicazione […]... continua a leggere

torna su

Virgilio Malvezzi da Bologna all’Europa
di , Saggi e Studi

1. Una fortuna straordinaria nel Seicento internazionale Il successo delle opere di Virgilio Malvezzi fu immediato e proseguì per tutto il secolo decimosettimo, in Italia e in Europa. Con il Romulo del 1629 – in cui egli si legava stilisticamente al neostoicismo lipsiano e teorizzava, sin dall’incipit, i cardini dello stile laconico: «mercenario colui che […]... continua a leggere

torna su

Luigi Galvani, scienziato, miles Christi e homme de lettres europeo. La ricerca come stile di pensiero e di vita
di , Saggi e Studi

Fu quella [di Galvani] un’età felicissima per la dotta Bologna, e che toccò il sommo allorché il Galvani coronavala colla immortale scoperta, meravigliosa in se stessa, e come origine e principio di tanti portentosi trovati che apportarono vantaggi d’ogni guisa, e che per tutti i secoli venturi ne apporteranno. C. Malagola (a cura di), Luigi […]... continua a leggere

torna su

L’elemento acquatico e le alcove di Paolo Conte
di , Saggi e Studi

Io e te, scaraventati dall’amore in una stanza, mentre tutto intorno è pioggia, pioggia, pioggia, e Francia. Paolo Conte, Parigi Mise en abîme «L’alcova è un cronotopo della letteratura, luogo e tempo del racconto che sarebbe superficiale limitare al teatro di un’occasione erotica e di un incontro galante. Vi è ben altro. Il letto è […]... continua a leggere

torna su

Nella cripta sacra di Ramón
di , Saggi e Studi

I primi decenni del Novecento esplodono in mille scintille, dall’Italia alla Spagna, dalla Francia alla Germania. Sono decenni vitali, creativi, sensuali, laicissimi: uno dei rari momenti dell’evoluzione culturale d’Occidente in cui umorismo e scetticismo, libertà e agnosticismo, si sono fusi in una figura originale, il cui sembiante si mostra in una miriade di “ismi”. Dietro […]... continua a leggere

torna su

Storia dell’Hard Rock Dalla NWOBHM a Scream Bloody Gore (seconda parte)
di , Saggi e Studi

2.1. Il metal si tinge di rabbia: nascita del Thrash Metal americano La NWOBHM in Inghilterra generò un’irrefrenabile mania tra gli appassionati di Metal, rendendo la scena musicale sempre più grande e frequentata: i fan supportavano le bands presenziando ai concerti e acquistando il loro merchandise. Le location che fino ad allora avevano ospitato i […]... continua a leggere

torna su

Choice – La scelta
di , Note e Riflessioni

1. «Se un uomo potesse mantenersi sempre sul culmine dell’attimo della scelta…» Colpisce come il filosofo Kierkegaard senta il bisogno di accumulare parole, come se prima del vocabolo “scelta” non possano che esserci gradini, salite, baleni. “Sul culmine dell’ attimo”: un bordo altissimo, un parapetto da cui lanciarsi in volo; margini di spazio e di […]... continua a leggere

torna su

Montesquieu ovvero dello stupore. Alcune considerazioni a partire da Studi di storia della cultura
di , Note e Riflessioni

Che mai s’intende, oggi, per “cultura”? Massimo Angelini ne ha ricondotto correttamente l’etimologia al verbo latino colere, nelle sue accezioni di ‘coltivare’, ‘far accrescere’ e ‘venerare’, in un’interessante, affascinante miscellanea edita da CLUEB nel 2012 e curata da Domenico Felice, studioso di fama internazionale che non necessita di troppe presentazioni. Il poderoso, inconsueto volume che […]... continua a leggere

torna su

Essenza, divinità, linguaggio. Appunti in margine ad un libro di Maurizio Malaguti
di , Note e Riflessioni

Si potrebbe davvero dire, per citare Dante, assai caro all’autore, che In humanitatem spiritus di Maurizio Malaguti (I Martedì, Bologna 2005) è un libro «al quale ha posto mano e cielo e terra». Queste pagine sembrano fondere l’immediatezza esperienziale di chi vive nell’essere con le alte speculazioni intorno all’Essere supremo, alla superessentialis divinitas come dice […]... continua a leggere

torna su

15 Ottobre 2013. Oggi Italo Clavino avrebbe compiuto 90 anni
di , Note e Riflessioni

Oggi Italo Calvino avrebbe compiuto novant’anni. Assieme ad Eco e Moravia è lo scrittore italiano del Novecento più tradotto. In un’epoca nella quale si strapubblica e la letteratura è diventata un prodotto da banco a breve deperibilità, l’opera di Calvino non appartiene al polveroso starnazzare di libri mediocri. Si arriva alla letteratura se si riflette […]... continua a leggere

torna su

Un’annotazione ad Actus Tragicus di Davide Monda
di , Note e Riflessioni

Quando mille richiami “crudeli” e mille silenzi di pietra si fanno verbi entro un libro sodo, verrebbe da sistemare sul tavolo del proprio studio – sotto gli occhi della mente e, a ogni modo, non troppo lontano dal cuore – una foresta di mille alberi che ci copre intera; che fruscia con tutte le foglie […]... continua a leggere

torna su

Sul femminicidio. Cause e possibili rimedi
di , Note e Riflessioni

Continua a gocciare sulle nostre coscienze lo stillicidio del sangue uscito fuori dal corpo di donne uccise da uomini che non sopportano di essere lasciati. Invece di limitarsi a lamenti come quelli di Arianna abbandonata da Teseo, o a querimonie simili al piagnucolare di Orfeo che, non senza colpa, ha perso Euridice, costoro infieriscono sul […]... continua a leggere

torna su

Sergio Solmi “militante” a Bologna
di , Letture e Recensioni

Giovedì 17 ottobre, alle ore 18, presso l’Aula Magna della Fondazione “E. Malavasi” di Bologna, si presenterà un libro per più versi interessante. Si tratta, di fatto, del primo studio esaustivo sulla figura di Sergio Solmi. Ne è autore Antonio Giampietro (1980), dottore di ricerca in italianistica presso l’Università di Bari, poeta, cultore di letteratura […]... continua a leggere

torna su

Il quinto di Scarlino
di , Letture e Recensioni

Maggio, 8. Primi simulacri di esercizi militari sulla piazza di Talamone… Concorso di maremmani intorno al Generale; si arruolano parecchi volontari, altri se ne annunciano da Piombino. (dal “Diario della spedizione dei Mille”, di Ippolito Nievo) 2 settembre 1849. Un fischio lungo, poi uno più breve. Matteo scrutò a destra e sinistra, fin dove l’occhio […]... continua a leggere

torna su

Conversazione con Leonardo Caffo su Finalmente è la fine del mondo
di , Letture e Recensioni

Finalmente è la fine del mondo, una riflessione per superare quella «tautologia abissale che vede l’uomo degno perché uomo»… Per non sparire nel dominio delle morti, per compiere uno scatto in avanti: un nuovo profilo umano dovrà allora delinearsi trasvalutando pensiero, azioni e omissioni praticati con una irriflessività più o meno giustificata. L’uomo e la […]... continua a leggere

torna su

E.M.Cioran, Sul vuoto
di , Traduzioni, inediti e rari

Breve divagazione L’antiformalismo di Cioran dipende da un punto di vista ontologico, che si differenzia radicalmente dall’idea di poesia di Mallarmé o di Valéry, per i quali la parola deve sostituirsi all’idea, poiché il linguaggio è fine a se stesso. Per Cioran le parole debbono restare in rapporto sostanziale con la realtà che indicano, benché […]... continua a leggere

torna su

Ritratto di Fortunat Strowski (1866-1952) di Maurice Levaillant
di , Traduzioni, inediti e rari

Fortunat Strowski. Ora ho il compito di ripercorrerne, dinanzi a voi, la carriera e di farne rivivere lo spirito: era uomo illustre e affascinante. È compito certo gradito: ripercorrendo venticinque o trent’anni, ho avuto l’illusione di ritrovare un po’ della mia giovinezza nella familiarità di maestri e amici – come lui, ahimè, o prima di […]... continua a leggere

torna su

Tradurre Tonino Guerra
di , Traduzioni, inediti e rari

Tonino Guerra, Il viaggio, Maggioli 1986 El vìaz Un dè d’uotobar i s’è mèss a caminé te fióm éulta i santir ad sabbia e dri cal linguètti d’aqua ch’al sèlta tra i sas. De mèr u i avèva zcòurs piò di tótt una piscèra che fina e’ melanovzentquarènta là i arivéva a là sò in […]... continua a leggere

torna su

L’insegnamento come processo di ricerca morale. Intorno e attraverso Reasons for Learning di J. G. Nicholls e T.A. Thorkildsen
di , Didactica

Le persone, a differenza delle macchine, non possono essere assemblate da altri. Hanno certamente il diritto di ricevere stimoli e aiuti, ma in definitiva non possono esimersi dal partecipare al loro processo educativo, in accordo a una nuova visione di paideia, secondo cui la conoscenza si rigenera nella mente degli allievi. In anni in cui […]... continua a leggere

torna su

Un tesoro verde: l’autobiografia di Vico
di , Didactica

Vico scrisse un’autobiografia (Vita di Giovanbattista Vico scritta da se medesimo) fra il 1725 e il 1728. Molte delle notizie riguardanti la sua vita sono tratte da questo libretto, improntato – variatis variandis – su un modello letterario inaugurato, si sa, da Sant’Agostino. Fin qui tutto bene. Ma chi è Gian Battista Vico? Non me […]... continua a leggere

torna su

Master di comunicazione storica 2013. Presentazione terza edizione, bilancio e prospettive future
di , Didactica

È uscito il bando della terza edizione del Master di comunicazione storica dell’università di Bologna che scadrà il 20 settembre 2013. La concezione dei master universitari è quella di offrire competenze e attività che non sono presenti nei corsi di laurea, ma soprattutto la funzione dei master è quella di professionalizzare i suoi partecipanti, favorendone […]... continua a leggere

torna su