Bibliomanie

indice del numero 39
maggio/agosto 2015

Mistero etrusco
di , Saggi e Studi

Mistero etrusco

Il “mistero etrusco” (che, a ben vedere, tale non è, o è solo in parte, o è forse, oramai, un “mistero in piena luce”, essendo l’alfabeto etrusco perfettamente decifrabile, ed essendosi via via venuto chiarendo, negli ultimi decenni, attraverso l’indagine etimologica e il ricorso al metodo comparativo e combinatorio — fondato sul ricorrere di determinati […]... continua a leggere

tag: ,

torna su

Riscoprire la storia della scienza
di , Saggi e Studi

La storia della scienza come campo di ricerca autonomo e come disciplina presente nei programmi universitari è molto recente: le prime cattedre vengono istituite sotto dipartimenti umanistici nel 1892 a Parigi, e solo negli anni ’20 in Inghilterra e negli Stati Uniti. In Italia, nonostante la fama e il valore dei patrimoni (perlopiù) storico-scientifici, bisognerà […]... continua a leggere

tag: ,

torna su

Interrogation. Il primo libro di Pierre Drieu La Rochelle
di , Saggi e Studi

<em>Interrogation</em>. Il primo libro di Pierre Drieu La Rochelle

Considera quod hodie proposuerim in conspectu tuo vitam et bonum, et e contrario mortem et malum. Testes invoco hodie contra vos caelum et terram quod proposuerim vobis vitam et mortem, benedictionem et maledictionem. Liber Deuteronomii, 30, 15; 19 Or moi je ne puis maudire la guerre qui à mes vingt ans fut la révélation de […]... continua a leggere

tag: ,

torna su

Vaticano e III Reich: una relazione difficile
di , Saggi e Studi

Vaticano e III Reich: una relazione difficile

1. L’afasia papale: il dolore silenzioso… Uno dei grandi dilemmi storici del XX secolo riguarda senza dubbio le reticenze di Pio XII, Eugenio Pacelli (1876-1958), e della Santa Sede in generale, di fronte alle atrocità compiute dal III Reich. Come una vera e propria nevrosi, questi eventi emergono con regolarità inesorabile nelle menti di chi […]... continua a leggere

tag: , ,

torna su

Quadri del Settecento musicale italiano
di , Saggi e Studi

Quadri del Settecento musicale italiano

Vorrei tornare nella Napoli del Settecento… Leggo quel che nel 1765 scrive Lalande, nel suo Voyage d’un français en Italie, e sogno la macchina del tempo per poter tornare indietro ed entrare in un teatro di Napoli ad ascoltare Scarlatti o Cimarosa o Pergolesi: «La Musica è soprattutto il trionfo dei napoletani; sembra che in […]... continua a leggere

torna su

Per l’Esteta Armato di Maurizio Serra
di , Saggi e Studi

Per l’<em>Esteta Armato </em> di Maurizio Serra

Non capita sovente che sia un editore trentino, pur prestigioso e apprezzato dal Canada al Giappone, a pubblicare in Italia l’editio princeps di un testo superbo di storia della cultura europea, che – inter alia – il 10 settembre prossimo prenderà anche la strada delle librerie francesi, attraverso l’onorata ospitalità delle Éditions du Seuil, da […]... continua a leggere

torna su

Sulla violenza nel secondo dopoguerra. Alcune tracce interpretative
di , Saggi e Studi

Si tratta di un tema che ancora negli anni Zero del XXI° secolo è stato al centro di un intenso dibattito pubblico, totalmente piegato a esigenze di legittimazione (e delegittimazione) politica, anziché essere rivolto a un reale approfondimento. Le comunità spaccate Il dopo liberazione italiano appartiene al più ampio contesto europeo di uscita dal conflitto […]... continua a leggere

tag: ,

torna su

Rilettura pensosa di due classici europei: Böll e Yourcenar
di , Note e Riflessioni

Quando uscì Opinioni di un clown (Ansichten eines Clowns), nel 1963, il mondo sembrava non essere pronto a recepirlo correttamente, e men che meno pareva esserlo la Repubblica Federale Tedesca, la quale fiduciosamente ancora si affidava al carisma del proprio cancelliere, Konrad Adenauer, e ai valori propagandati dal partito di cui egli era stato fondatore, […]... continua a leggere

tag: ,

torna su

Sull’identità dell’intellettuale europeo d’oggi
di , Note e Riflessioni

Marina Cvetaeva ha scritto: “Tutti i poeti sono ebrei”. Proficuo chiedersi subito, forse, in che senso una figura determinante nella civiltà letteraria russa del secolo passato abbia rivendicato un’identità culturale così precisa – e, conoscendo la Cvetaeva, non si trattava di una mera presa di posizione intellettuale, assunta per affinità o solidarietà da vittima. Ella […]... continua a leggere

torna su

Riflessioni storico-critiche sull’intricata ricezione europea di Francesco Zorzi
di , Note e Riflessioni

La tardiva condanna all’Indice delle diverse dottrine presenti nelle opere di Zorzi contribuì alla loro rapida diffusione soprattutto negli ambienti veneti, tanto che Venezia diventerà il centro della loro diffusione europea. Pochi anni dopo la morte del frate – avvenuta nel 1540, com’è noto – fra le attività di volgarizzazione editoriale dell’Accademia veneziana, o Accademia […]... continua a leggere

torna su

Dalì, il tempo e i quadri infranti
di , Note e Riflessioni

Un classico mito scientista che all’inizio del XX secolo va in frantumi è la visione della natura come un preciso e gigantesco orologio. Newton parlava di dio come un grande orologiaio. Per Keplero la macchina dell’universo era simile a un orologio. Cartesio considerava i corpi, – di uomini o di animali non faceva differenza – […]... continua a leggere

torna su

Follow your dreams. Il bosco interiore di Leonardo Caffo
di , Letture e Recensioni

“Crisi”: tale il concetto-chiave di questo libro, e insieme la temibile insidia a cui esso cerca di offrire una soluzione. «La crisi porta progresso», diceva Einstein, una delle autorità qui richiamate. La parola deriva infatti da kríno, “separare”, “distinguere”, “discernere”, designa allora un momento risolutivo che determina la dismissione di una maniera di essere per […]... continua a leggere

torna su

Raccontare la scuola. Testi, autori, forme del secondo Novecento di Cinzia Ruozzi
di , Letture e Recensioni

Presentazione del libro presso il dipartimento di Italianistica di Unibo, il 26 maggio 2015. Sono intervenuti Mirella D’Ascenzo (Storia della scuola), Carlo Varotti (Letteratura italiana, Università di Parma), Giulio Iacoli (Letterature comparate, Università di Parma ), Magda Indiveri (liceo L. Galvani, Bologna) di cui si riporta la relazione. “Sono entrata per la prima volta in […]... continua a leggere

torna su

Mobilitazione totale. Maurizio Ferraris
di , Letture e Recensioni

C’è un racconto di Walter Benjamin, Telefono. Fa parte di Infanzia berlinese, il libro di ricordi postumi, e dice del suo stupore all’apparire del primo telefono fisso, quello che solitamente era collocato nei corridoi degli appartamenti, di come in qualche modo rappresentò «la consolazione alla solitudine», ma anche di come ogni squillo equivalesse a «un […]... continua a leggere

torna su

La bestia
di , Letture e Recensioni

La bestia ha occhi di velluto, iridi grandi, pupille vibranti, lo sguardo luminoso avvolge con dolcezza. Ho seguito gli occhi della bestia dal Ghana a un mare sconosciuto. Rive affollate, macerie, dolori e grida erano ovunque, da una città si alzavano due grandi case costruite come bottiglie rovesciate, vicino a queste, l’ultimo piano di una […]... continua a leggere

torna su

Mille modi per finire
di , Letture e Recensioni

Storie brevi, anche troppo, di un’estate lunga, anche troppo. 1 Ho rotto uno specchio: 7 anni di guai dice la saggezza popolare. Evviva! Niente di più bello. Un splendida notizia. Mi sento meglio, adesso posso ricominciare a sognare. Ieri alla visita di controllo, il medico mi aveva detto con aria affranta, che mi attendevano solo […]... continua a leggere

torna su

Maria, verso Cartoceto. Dentro un orizzonte di colline
di , Letture e Recensioni

Maria, verso Cartoceto È scritto all’anagrafe e in ogni documento che mi appartiene: Maria, il nome che ho cancellato da questa Franca che rimane. Scomparso dalla mia firma. Un solo nome: due sillabe che mi pronunciano, che mi sottraggono al silenzio. Sono già molte per esistere. E anche la voce degli altri mi ha riconosciuto, […]... continua a leggere

torna su

Ricordo di Tullio Ascarelli di André Tunc
di , Traduzioni, inediti e rari

Un’opera di Tullio Ascarelli [1903 – 1959] su Hobbes e Leibniz non potrebbe presentarsi al lettore senza una diligenza assoluta. La mente poderosa del maestro italiano aveva familiarità con i più insigni pensatori di tutti i tempi. E la cosa migliore, dinanzi a lui e dinanzi a loro, è farsi da parte. Vorrei così, in […]... continua a leggere

torna su

Per Laura o per Beatrice? Le due voci d’Europa
di , , Traduzioni, inediti e rari

Martedì, 24 agosto 2004, ore 11.15 Relatori: Giuseppe Mazzotta, Yale University, Presidente della Dante Society of America Ezio Raimondi, Professore emerito dell’Università di Bologna, Presidente IBC Emilia-Romagna Moderatore: Davide Rondoni, poeta e scrittore Moderatore: Quando si ha che fare con due grandi autori, due grandi classici, in questo caso, come Dante e Petrarca, ci si […]... continua a leggere

torna su

Tra testa e croce
di , , Traduzioni, inediti e rari

PREFAZIONE L’Italia ieri, oggi… Il mondo ieri ed oggi! Che cosa è cambiato, che cosa si vuole dimenticare e che cosa invece si vuole ricordare. I ricordi fanno male, ma al fine di preservare la memoria, nonché la storia di un paese, è necessario raccontarli e tenerli in vita nella nostra gente, nelle menti dei […]... continua a leggere

torna su