Bibliomanie

indice del numero 32
gennaio/aprile 2013

I sogni inquieti di Franz Kafka. Intorno a La Metamorfosi
di , Saggi e Studi

«Si tratta di dare alle parole, più o meno, l’importanza che hanno nei sogni.» A. Artaud 1) Una piccolo, spaventoso racconto notturno Non dai preziosi Diari, che sono lacunosi proprio alla fine del 1912, ma dalla corrispondenza con la fidanzata Félice abbiamo la cronaca precisa della stesura de La metamorfosi, Die Verwandlung, che occupò una […]... continua a leggere

torna su

L’Île des esclaves di Marivaux. Sofferenza e potere come esperienze trasformative
di , Saggi e Studi

L’Hôtel de Bourgogne fu il primo edificio ad ospitare la mise en scène dell’L’Île des esclaves di Marivaux, nel 1725. Come poté questa pièce, ibrido tra favola filosofica, farsa all’italiana e terapia curativa, essere replicata ben ventun volte prima di essere messa in scena a Versailles? La vicenda trattata è tutto sommato molto lineare: dopo […]... continua a leggere

torna su

Montesquieu e i suoi nemici. Bagatelle ‘invernali’ sui nipotini di Voltaire
di , Saggi e Studi

A dispetto di quanto “predica” Catherine Larrère, taluni recenti studiosi e interpreti di Montesquieu (tra i quali Larrère stessa, quando “razzola”) sembrano perseguire come unico scopo quello di imposer aux lecteurs le ‘loro’ conclusioni, ossia le ‘loro’ opinioni – sempre che si possano definire così gli ‘arzigogoli’ – su come dovrebbero andare, ma non vanno […]... continua a leggere

torna su

Un ebreo che aveva creduto nel fascismo. Formíggini e le sue Ficozze
di , Saggi e Studi

La promulgazione nel 1938 delle leggi razziali colse Angelo Fortunato Formíggini del tutto impreparato, al punto che scelse di mettere in atto, in maniera consapevole, la forma più strepitosa di protesta, il suicidio, gettandosi il 29 novembre 1938 dalla torre Ghirlandina di Modena. Se ci s’interroga sulla ragione di questi fatti sorprendenti in relazione a […]... continua a leggere

torna su

L’Allevamento dei Pirla di Andrea Zanotti
di , Note e Riflessioni

L’intitolazione di questo lungo racconto suggerisce (a libro ancora da aprire, da sfogliare) con una intrepida, trionfante baldanza, oppure con una sorta di rapida convinzione testuale, avendo assunto il titolo dal contesto; ripeto, cercherebbe di suggerire una chiave generale di lettura a mio parere distorta che, per geniale intuito o proposito, quasi subito (se non […]... continua a leggere

torna su

Per il Bestiario di Federico Cinti
di , Note e Riflessioni

Da lettore privato ma affamato, cerco sempre di arrivare – fra le pubblicazioni che escono nuove, o fra le tante del passato non ancora lette e da leggere – a quelle che si adeguano al mio gusto: ed eccomi al Bestiario di Federico Cinti. Le pagine intelligenti del prefatore aiutano ad accingersi a un itinerario […]... continua a leggere

torna su

Il comunista, Guido Morselli
di , Note e Riflessioni

In tutte le cose, e non solo nel mio lavoro, io mi sono visto opporre pareti scoscese, invalicabili contro le quali è stato inutile farsi insanguinare e piedi e mani e ginocchia (G. Morselli, Diario) Un caso letterario Dissipatio. “Vediamo. C’è una mia vecchia lettura, un testo di Giamblico che ho avuto sott’occhio non ricordo […]... continua a leggere

torna su

Hans Blumenberg, Elaborazione del mito
di , Note e Riflessioni

Blumenberg si richiama a una concezione del mito ben diversa, legata all’antropologia filosofica del nostro secolo, ed esclude, in polemica con altre teorie interpretative, la possibilità di ricostruire il percorso della produzione mitica. In aperta polemica cone l’interpretazione cassireriana Blumenberg in Arbeit am Mythos sostiene che il limite più grande delle teorie interpretative, quello che […]... continua a leggere

torna su

Calcio reale e Calcio virtuale
di , Note e Riflessioni

In questo articolo parlerò del rapporto tra lo sport – in maniera particolare il calcio – e l’universo videoludico dei vari giochi per computer, xbox, playstation e simili piattaforme digitali per l’intrattenimento, oggi diffuse in tutti i salotti quasi al pari delle televisioni. Sono bandiere della tendenza che sostituisce la realtà con un’altra realtà iperrealista […]... continua a leggere

torna su

Silvia Cuttin, Ci sarebbe bastato
di , Letture e Recensioni

«In fondo, la mia vita è un ininterrotto ascoltare, dentro me stessa, gli altri» diceva Etty Hillesum in una pagina del suo Diario 1941-1943. Un’arte che deve imparare necessariamente chiunque inizi a tracciare i confini di un testo, ma in modo privilegiato chi decide di intraprendere il cammino rischioso di raccontare le vite di altri […]... continua a leggere

torna su

Milano fogna d’Italia. Assalto a un tempo devastato e vile di Giuseppe Genna
di , Letture e Recensioni

“L’Italia è la fogna del mondo e Milano è la fogna d’Italia”. Giuseppe Genna è la voce narrante di una insolita autobiografia, Assalto a un tempo devastato e vile (Versione 3.0 Minimum Fax, 2010) che mescola invenzioni narrative, reportages giornalistici, scrittura saggistica, e che alterna vicende di vita quotidiana, ricordi di famiglia, momenti della storia […]... continua a leggere

torna su

Giovanni Tesio, I più amati. Perché leggerli? Come leggerli?
di , Letture e Recensioni

Una ben meditata sapienza ha concesso a Giovanni Tesio, docente universitario e critico di vaglia, la felicità di sintesi che pervade questo suo I più amati. Perché leggerli? Come leggerli? (Interlinea, 2012), libretto all’apparenza scarno, ma ricchissimo in realtà di suggestioni. Tesio prende le mosse dalla sua personale avventura di lettore, un’infanzia e un’adolescenza vissute […]... continua a leggere

torna su