Bibliomanie

numero 49, giugno 2020

numero dedicato a Mauro Conti (2 novembre 1957 - 25 febbraio 2020)

In questo numero
di , Editoriale

In questo numero

Il mistero attiene alla religione, il segreto è una cosa umana. Nelle stragi non ci sono misteri, ma segreti. (Paolo Bolognesi, presidente dell’Associazione tra i Familiari delle Vittime della Strage alla Stazione di Bologna del 2 agosto 1980). 1980 - 2020 a quarant’anni dalle stragi di Ustica e del 2 agosto. Gli anniversari consegnano un memento solenne che ravviva la memoria e impone bilanci. Sono due eventi che il numero 49 di “Bibliomanie” punta ad approfondire offrendo nuovi contributi. Per quanto sulle stragi di Ustica e del 2 agosto restino dei buchi di conoscenza, è ormai delineato il loro contesto storico. Cora Ranci ha studiato la vicenda di Ustica per oltre dieci anni, consacrandosi come la voce più autorevole sul tema. Il suo saggio incrocia il ruolo della stampa, il quadro internazionale e la vicenda giudiziaria, aspetti che l’autrice ha approfo... continua a leggere

Saggi e Studi
Italy 1980: a deep change in the country. The rise of disengagement and hedonism

Italy 1980: a deep change in the country. The rise of disengagement and hedonism
by | abstract

In the 80s Italy wants to leave behind massacres and terrorism. The victory in 1982 at the World Cup of football marks a turning point: national pride raises the head, beyond the ideological divisions. Nevertheless at the end of the 70s, after the tragedy of Aldo Moro, the Italians are tired of politics: everywhere there are signs of a deep change ... read more

Rimini by Vittorio Tondelli. The invisible city and the phenomenology of spaces

Rimini by Vittorio Tondelli. The invisible city and the phenomenology of spaces
by | abstract

The originality of Piervittorio Tondelli's novel Rimini (1985) lies in the author's construction of the spaces in which the narrative threads that make up the plot develop and intertwine. These spaces retain both a social and historical value, closely linked to the decade of the 1980s, as well as a 'mass' imagery that combines aesthetics, pleasure,... read more

27 June 1980: on the Ustica massacre, a historical reconstruction

27 June 1980: on the Ustica massacre, a historical reconstruction
by | abstract

Forty years after the events, the issue known as the "Ustica massacre" still presents various opacities. The long judicial process concluded that the crash of the civilian plane DC-9 Itavia - which occurred on June 27, 1980, with 81 people on board, near the Sicilian island of Ustica - was caused by "a military action”, but failed in identifying ... read more

27 June 1980: on the Ustica massacre, a historical reconstruction

27 June 1980: on the Ustica massacre, a historical reconstruction
by | abstract

The public narrative of the 1980 Bologna massacre, as well as that of the other massacres of Republican Italy, contributed over the decades to define multiple popular imaginaries with respect to the State and its relations with the citizens and the Justice, constantly questioning the public opinion about the transparency and the way Institutions wo... read more

The Nuclei armati rivoluzionari. A historicizing path

The Nuclei armati rivoluzionari. A historicizing path
by | abstract

The connection between the NAR (Nuclei Armati Rivoluzionari) and the massacre of 2 August 1980 at the Bologna train station, for which they were held responsible, paralyzed their interpretation as a phenomenon and generated a crystallized narration, focused on the event, hyper-described through details that may have relevance in court but ... read more

Actuality of the outdated.  Benito Mussolini: semiotic variations of a dictator

Actuality of the outdated. Benito Mussolini: semiotic variations of a dictator
by | abstract

Today, we take for granted the fact that the past century’s Fascism, in the specific historical form that it had in Italy, could not possibly return. We also cannot but recognize the outdatedness of the rhetoric and the communicative register of Benito Mussolini. Why, then, is the former Italian dictator still in fashion, in particular for certai... read more

Note e Riflessioni
La strage di Ustica. Il tormentato cammino verso la giustizia e la necessità di tener vivo il ricordo

La strage di Ustica. Il tormentato cammino verso la giustizia e la necessità di tener vivo il ricordo
di

Mio fratello Alberto è morto sul DC9 Itavia verso le nove di sera di quel 27 giugno 1980; stava raggiungendo la figlia e la moglie che erano a Palermo per qualche giorno di vacanza. Nelle orecchie mi suona ancora la frase di un funzionario dell’Aeroporto Marconi di Bologna che verso le cinque del mattino ci disse che non si ... continua a leggere

Strage di Bologna: quarant’anni per la verità. Intervista a Paolo Bolognesi, Presidente dell’Associazione  2 agosto ’80

Strage di Bologna: quarant’anni per la verità. Intervista a Paolo Bolognesi, Presidente dell’Associazione 2 agosto ’80
di

Alle 10.25 del 2 agosto 1980, una bomba con tritolo e T4, esplode alla stazione di Bologna causando 85 morti e 200 feriti. È la più grave strage del Dopoguerra. Colpisce al cuore la città medaglia d’oro alla Resistenza ed un Paese sottoposto, dal 1969, ad un continuo attacco eversivo. Inizia da qui il lungo percorso dell'... continua a leggere

La strage del 2 agosto 1980 alla stazione di Bologna nella narrazione dei testimoni

La strage del 2 agosto 1980 alla stazione di Bologna nella narrazione dei testimoni
di

Il progetto Mneo ha avviato, nel giugno 2019, il recupero delle video testimonianze della strage del 2 agosto 1980 avvenuta nella stazione di Bologna, quando alle 10.25 lo scoppio di una bomba distrugge la sala d'aspetto di seconda classe, gremita di persone, e gli uffici dell’azienda di ristorazione Cigar che si trovano proprio ... continua a leggere

Intervista a Benedetta Tobagi su Walter Tobagi

Intervista a Benedetta Tobagi su Walter Tobagi
di ,

R. Quando è adolescente, oltre a scrivere su “La Zanzara”, mio padre comincia a collaborare anche con “MilanInter”, settimanale sportivo dedica... continua a leggere

In tempo di isolamento

In tempo di isolamento
di

‘Isolare’, leggo sul De Mauro, è ‘separare da tutto ciò che circonda’. Nel dizionario etimologico è ancora più duro, ‘staccare checchesìa attorno da qualunque corpo’. Eppure isolare viene da isola, e questa parola per me è sempre stata un sogno. Nato dopo la guerra non mi sfiorava l’idea di associarla al confin... continua a leggere

COVID-19: al bivio della civiltà

COVID-19: al bivio della civiltà
di

Non è stata la prima volta. E con tutta probabilità nella storia dell’uomo non sarà nemmeno l’ultima. Per certi aspetti era anche prevedibile. Numerosi scienziati in tutto il mondo, figure particolarmente lungimiranti come Bill Gates, o esperti fra cui il docente di ecologia Almo Farina, avevano già lanciato l’allarme da ... continua a leggere

Letture e Recensioni
A. Agosti, G. De Luna, <em>Juventus. storia di una passione italiana. Dalle origini ai giorni nostri</em>, Utet, Milano 2019

A. Agosti, G. De Luna, Juventus. storia di una passione italiana. Dalle origini ai giorni nostri, Utet, Milano 2019
di

Giampaolo Ormezzano, una delle grandi firme del giornalismo italiano, nel 2008 narrava, riprendendo un testo di Oliviero Bhea, come la stampa sportiva si passata attraverso tre periodi differenti. Il primo contraddistinto dall’amore, il secondo dall’erotismo, il terzo dalla pornografia. Quest’ultimo riguarda gli ultimi anni i... continua a leggere

Un erudito sulle tracce dei <em>Prima nomina</em>

Un erudito sulle tracce dei Prima nomina
di

Sui nomi divini è un libro desueto e potenzialmente prezioso: un’edizione commentata (i criteri ermeneutici sono dettagliati nella Nota al testo), una antologia, si dice in quarta, essenziale, volta a diradare un silenzio postumo troppo a lungo protrattosi, quasi una conseguenza inestinguibile, come un... continua a leggere

Traduzioni, inediti e rari
Tre interviste di António Ferro a Benito Mussolini (1923, 1926, 1934)

Tre interviste di António Ferro a Benito Mussolini (1923, 1926, 1934)
di

L'instaurazione dell'Estado Novo portoghese nel 1933 rappresentò solo l'apice di un lungo processo di crisi e decadimento delle istituzioni liberali. Il periodo della Prima Repubblica (1910-1926) fu fin da subito caratterizzato da forti tensioni sociali e instabilità politica: la mancata realizzazione dell'allargamento del suffra... continua a leggere

Verità e giustizia: testimonianze sulla strage del 2 agosto 1980

Verità e giustizia un documentario inedito a cura di Andrea Broglia, prodotto da Mneo, Archivio Italiano della Memoria, un progetto rivolto ai giovani che ad oggi ha raccolto circa 400 racconti di testimoni di grandi eventi, protagonisti della cultura, dello spettacolo, dello sport e della società civile italiana