Bibliomanie

Appunti storico-critici sulla Via Francigena
di , numero doppio 46/47, luglio 2018/giugno 2019, Note e Riflessioni

Appunti storico-critici sulla Via Francigena

Questa strada è una delle più antiche e celebri d'Europa e,come poche altre,ha contribuito a mantenere un legame fisico,economico, culturale e spirituale fra i popoli del vecchio continente; infatti, tradizionalmente, essa ha rappresentato il percorso per chi intendeva recarsi dalle isole Britanniche, dai Paesi nord-europei e dalla Francia verso Gerusalemme, attraverso l’Italia, la Grecia, la Turchia il Libano e la Siria o tramite il Mediterraneo. Successivamente (VIII-XV secc.),dopo la occupazione della Terra Santa da parte degli eserciti islamici, la Via Francigena convergeva su Roma divenuta, ormai, la capitale del Cristianesimo. Talepercorso risultava caratterizzato da varie diramazioni imputabili a molteplici variabili: all... continua a leggere

tag: , ,

torna su

Ricordando Amerigo Vespucci (1494-1512), individuatore del “Nuovo Mondo”
di , numero 36, maggio/agosto 2014, Note e Riflessioni

Amerigo Vespucci, al quale dobbiamo abbinare la cognizione e la denominazione del continente americano, è personaggio noto, ma non appare adeguatamente conosciuto. Neppure la ricorrenza del cinquecentesimo dalla morte, nel 2012, è stata colta come occasione per approfondimenti, divulgazioni o celebrazioni di sorta. Sebbene di carattere alquanto riservato, ben presto si distinse quale commerciante abile e degno, analogamente alla famiglia di origine – e di massima affidabilità come amministratore. La sua vita è parzialmente non documentabile: l’oligarchia (manifatturiera e bancaria) e le autorità della Repubblica fiorentina si sono rivolte da subito anche a lui per lunghe missioni all’estero. Conseguentemente, il giovane Vespucci ha iniziato ad avere contatti e ad agire in località molto distanti tra loro, poiché Firenze aveva sviluppato – per le attività finanziarie e per la produzione laniera (materia pri... continua a leggere

torna su