Bibliomanie

Il cinema e la poesia di Montale e Sereni
di , numero 4, gennaio/marzo 2006, Didactica,

Come citare questo articolo:
Marco Antonellini, Il cinema e la poesia di Montale e Sereni, «Bibliomanie. Letterature, storiografie, semiotiche», 04, no. 33, gennaio/marzo 2006

In “Lisbon story” (1994) Wim Wenders ci mostra un ossuto Rudiger Vogler che parte alla ricerca dell’amico regista. Dopo una serie di avvenimenti apparentemente avventurosi per quella sorta di candido stupore che la vita conserva agli occhi ancora fanciulleschi di Wenders, lo trova errabondo in Lisbona intento con una piccolissima videocamera alle spalle, a girare immagini mai viste e mai montate. Le uniche immagini vive sono quelle che nessuno mai conoscerà, rimanendo così intatte e senza manipolazioni. I nodi della cinematografia wendersiana vengono così allo scoperto. Da un lato l’impossibilità di fare il cinema, conclusione a cui era giunto molto prima Godard, e dall’altro l’impossibilità di vivere senza.

Scarica l'articolo in pdf