Bibliomanie

L’«alto passo» di Ulisse: l’esperienza della traduzione di Dante negli Stati Uniti
di , numero 2, luglio/settembre 2005, Note e Riflessioni,

Come citare questo articolo:
Annalisa Teggi, L’«alto passo» di Ulisse: l’esperienza della traduzione di Dante negli Stati Uniti, «Bibliomanie. Letterature, storiografie, semiotiche», 02, no. 10, luglio/settembre 2005

Sono parole molto conosciute, eppure non posso che partire da qui, dalle fondamenta della Commedia di Dante: l’uomo e la libertà. Dall’unione di queste due parole si genera l’esplosione di umanità che troviamo canto dopo canto; un’esplosione il cui contraccolpo e la cui eco sembrano non perdersi ed affievolirsi col tempo, ma crescere vigorosamente. Siamo testimoni, nel nostro tempo, dell’espandersi della fama di Dante ben oltre i confini dell’Europa: quel suo grido è davvero diventato un «vento» ed è giunto sino in Giappone, Cina, Australia, Africa.

Scarica l'articolo in pdf