Bibliomanie

Flavio Ferri

Nato il 10/02/1991 a Brescia, compie i suoi studi universitari presso l'Università degli Studi di Milano “La Statale”. Nel 2020 vince il premio di laurea “Francesco Lorusso” a cui segue la pubblicazione del libro, tratto dalla sua tesi triennale, “I Tribuni della plebe. Origine e storia della lotta di classe nell'antica Roma” edito dalla Red Star Press. Ripresi gli studi magistrali cambia il proprio focus storico concentrandosi sulla storia contemporanea e specificatamente all'ambito della strategia della tensione e delle politiche memoriali sulla strage di piazza della Loggia. Attualmente collabora con Casa della Memoria di Brescia e studia la storia e le politiche della memoria delle stragi di matrice neofascista del periodo 1969-1980.

28 Maggio 1974, Una ferita sempre aperta
di , numero 56, dicembre 2023, Saggi e Studi

28 Maggio 1974, Una ferita sempre aperta

La strage di piazza della Loggia è stato un evento che ha profondamente segnato la memoria collettiva della città di Brescia a prescindere dall'orientamento politico e dall'essere stati o meno testimoni diretti dello scoppio della bomba. Un evento che per la galassia della sinistra radicale si può definire «periodizzante». Infatti, dopo l'esplosione della bomba per alcuni attivisti si avvia una profonda radicalizzazione dei toni e delle modalità di fare politica che sfocerà, in taluni casi, anche nell'utilizzo della violenza armata. Gli anni che precedono la strage sono segnati da una serie di eventi significativi come la crisi economica scatenata dall'aumento dei prezzi del petrolio, le mobilitazioni operaie e i sommovimenti all'int... continua a leggere

tag: , , ,

torna su