Bibliomanie

Eduardo Estévez, Lei raccontò la propria storia alla radio
di , numero 24, gennaio/marzo 2011, Traduzioni, inediti e rari,

Come citare questo articolo:
Roberto Righi, Eduardo Estévez, Lei raccontò la propria storia alla radio, «Bibliomanie. Letterature, storiografie, semiotiche», 24, no. 18, gennaio/marzo 2011

Eduardo Estévez è nato nel 1969 in Argentina, a Buenos Aires, e nel 1995 si è trasferito in Galizia, a Santiago de Compostela, dove tuttora risiede. Ha esordito con due raccolte di poesia in castigliano (Catedrales de perfil, Buenos Aires, 1990, e Ya tan deshabitado, Maracay, Venezuela, 1994), ma in seguito ha adottato il galiziano come lingua d’espressione letteraria. Le sue raccolte di poesie hanno ricevuto vari premi. Ricordiamo, in particolare, lúa gris (1998, finalista del Premio Tivoli Europa 1999), caderno apócrifo da pequena defunta (2003, Premio Baleirón 2002), derrotas (2004, Premio Concello de Carral 2002) e construcións (2008).Eduardo Estévez ha creato uno dei primi siti web dedicati alla poesia in gallego (www.luagris.net), è autore di alcuni blog e microblog e ha sviluppato vari progetti di creazione poetica in Internet. Il blog en construción (http://enconstrucion.blogspot.com/) è il diario della scrittura di un libro di poesie. In esca e pedra (http://culturagalega.org/opinion/escaepedra/) Eduardo pubblica poesie settimanali su temi aleatori tratti da Wikipedia utilizzando la funzione “una voce a caso”

Scarica l'articolo in pdf