Bibliomanie

Sulla conversione di Manzoni
di , numero 26, luglio/settembre 2011, Saggi e Studi,

Come citare questo articolo:
Ezio Raimondi, Sulla conversione di Manzoni, «Bibliomanie. Letterature, storiografie, semiotiche», 26, no. 1, luglio/settembre 2011

Per quanto la conversione costituisca un fatto determinante, capitale, nel destino di uno scrittore e di un uomo, Manzoni non amava parlarne. Restano solo poche allusioni: una, ellittica, a san Paolo, e alcuni racconti riferiti, ma probabilmente degni di fede, su ciò che accadde in quel famoso 2 aprile 1810, quando Manzoni con la giovane moglie, Enrichetta, si trovò a Parigi, nel pieno dei festeggiamenti per le nozze di Napoleone. Si sa che a un certo punto, nella confusione generale, la moglie svenne, e i due restarono divisi. E finalmente Manzoni si ritrovò nella chiesa vicina di San Rocco, con una sorta di nuova epifania

Scarica l'articolo in pdf