Bibliomanie

Francesco M. Biscione

Francesco M. Biscione

Ha lavorato a Roma presso l’Istituto dell’Enciclopedia italiana (1983-2014). È stato consulente delle commissioni parlamentari d’inchiesta sul terrorismo e le stragi (1994-95) e sul dossier Mitrokhin (2004-05). Fa parte del comitato consultivo istituito dalla presidenza del Consiglio nel 2016 sul versamento agli Archivi di stato della documentazione inerente alla “direttiva Renzi”. Come storico ha studiato in particolare gli anni Settanta in Italia, Aldo Moro, la cultura comunista (Gramsci e Togliatti). Tra i suoi libri: Il delitto Moro. Strategie di un assassinio politico, Roma, Editori Riuniti, 1998; Il sommerso della Repubblica. La democrazia italiana e la crisi dell’antifascismo, Torino, Bollati Boringhieri, 2003; Il delitto Moro e la deriva della democrazia, Roma, Ediesse, 2012. Ha curato inoltre Il memoriale di Aldo Moro rinvenuto in via Monte Nevoso a Milano, Roma, Coletti, 1993; A. Gramsci, Disgregazione sociale e rivoluzione. Scritti sul Mezzogiorno, Napoli, Liguori, 1996; P. Togliatti, Corso sugli avversari. Le lezioni sul fascismo, Torino, Einaudi, 2010.

Strategia della tensione. Genesi e destino di un’espressione
di , numero 50, dicembre 2020, Note e Riflessioni

Strategia della tensione. Genesi e destino di un’espressione

L’espressione strategia della tensione nacque in riferimento a alle bombe del 12 dicembre 1969 esplose a Milano e a Roma nel contesto giornalistico britannico, in particolare attraverso il gruppo editoriale del quotidiano «The Guardian» e del settimanale «The Observer» (che ancora oggi esce la domenica, quando «The Guardian» non esce). Entrambe le testate avevano seguito con attenzione le vicende della Grecia, denunciando la brutalità e l’attacco ai diritti umani del regime dei colonnelli. Ai primi di dicembre le due testate pubblicarono documentazione riservata che induceva a ritenere che il regime dei colonnelli stesse lavorando all’organizzazione di un colpo di stato in Italia, complice di settori militari italiani e di gruppi n... continua a leggere

torna su