Bibliomanie

Teocrito di Siracusa Idillio XI
di , numero 2, luglio/settembre 2005, Traduzioni, inediti e rari,

Come citare questo articolo:
Federico Cinti, Teocrito di Siracusa Idillio XI, «Bibliomanie. Letterature, storiografie, semiotiche», 02, no. 21, luglio/settembre 2005

Occorre essere stringati, andare subito al punto che – ahimè – troppe volte è dolente, per non essere tacciati di prolissa vacuità o vacua prolissità. La sintesi è dote di pochi. Teocrito, dunque. Molto di più non è che se ne sappia. O, meglio, non quanto se ne vorrebbe sapere: il naufragio della letteratura classica, soprattutto greca, è uno strazio annoso: generazioni e generazioni si sono interrogate diciamo pure sul nulla. Del resto, per colpa di Manzoni, Carneade è passato alla storia come uno sconosciuto, ed era provetto filosofo, di cui si sa, si sa anche parecchio. Ma, come dice Cicerone ad Attico, de hoc alias.

Scarica l'articolo in pdf